La preparazione mentale nello sport

Preparazione mentale nello sport

La psicologia dello sport nasce negli anni 60 come una disciplina specifica all’interno delle scienze delle attività motorie e sportive. Gli aspetti mentali della prestazione, tuttavia, sono stati da sempre oggetto di costante attenzione da parte di atleti ed allenatori, prima ancora che la psicologia dello sport fosse riconosciuta ufficialmente. La constatazione che in gara alcuni atleti sono in grado di ottenere risultati migliori rispetto ad altri dotati di maggior talento fisico suscitava, e suscita tuttora, interesse e sorpresa, come del resto la realizzazione di performance eccezionali.

Nel corso degli anni, è apparso evidente che le abilità mentali, similmente alle motorie, possono essere apprese, sviluppare e perfezionate; gli psicologi dello sport hanno messo a punto a tale scopo procedure e programmi di allenamento. Gli atleti hanno bisogno di capacità fisico-motorie e psichiche sicuramente superiori a quelle di persone non praticanti sport, per rispondere adeguatamente a richieste che, soprattutto ad alto livello, arrivano al limite delle potenzialità umane.

Molti atleti ed allenatori riconoscono che gran parte del successo nello sport è dovuto a fattori psichici: più alto è il livello di abilità richiesto e maggiore importanza assumono gli aspetti mentali. Per rispondere alle richieste di un qualsiasi sport, l’atleta deve dunque sviluppare, accanto alle specifiche capacità motorie, particolari abilità mentali, come quelle necessarie per affrontare lo stress elevato della gara o controllare pensieri distraenti. È questa la ragione che spinse ad affermare che uno dei compiti primari della psicologia dello sport è aiutare atleti normali a diventare “psicologicamente superiori”.

La psicologia dello sport è di per sé orientata alla crescita sana dell’individuo, all’espansione dei limiti personali, al superamento delle difficoltà, al miglioramento della comunicazione con gli altri e con il proprio corpo, al conseguimento di esperienze soddisfacenti. I servizi che la psicologia dello sport è ora in grado di fornire sono molteplici. A livello individuale, gli interventi mirano a migliore capacità di concentrazione, gestione dello stress, controllo dei pensieri, visualizzazione, rilassamento, autoregolazione, recupero dagli infortuni; a livello di gruppo a favorire comunicazione e coesione. L’intervento dello psicologo dello sport non è comunque centrato solo sugli atleti; può anche aiutare allenatori ed insegnanti a migliorare le proprie capacità didattiche, le interazioni sociali e la gestione di situazioni complesse.

 

 

RICORDA

 

5 X 1000  PER

 

ASSOCIAZIONE DIABETICI

 

RAVENNATE

 

Codice. Fisc. 92008500396

 

IL TUO 5 X 1000 FA LA DIFFERENZA !!

 

Un aiuto fondamentale per svolgere i vari progetti in aiuto alle persone

con diabete della nostra provincia

Se utilizzi il nostro portale adr onlus, vuol dire accetti l'utilizzo dei cookie da parte della nostra redazione web. INFO

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi