Le contraddizioni dell’ obesità

Obesità e disturbi alimentari: il trattamento attraverso i gruppi psicoeducativi

Nel mondo industrializzato circa la metà della popolazione è in forte sovrappeso: l’obesità rappresenta la seconda causa di morte dopo il fumo; e la prima nei soggetti non fumatori. Nel nostro paese, un adulto su dieci è obeso (circa 5 milioni di persone) e 34 italiani su 100 hanno problemi, più o meno preoccupanti, con la bilancia. Ciò nonostante i mass media continuano a presentare modelli o ideali di magrezza molto lontani dalla realtà. Ed a farne le spese sono soprattutto i giovani, che per raggiungere il peso “ideale”, utilizzano strategie non sempre corrette, e con effetti contrari a quelli desiderati.

Negli ultimi anni abbiamo infatti riscontrato una crescita di peso negli adolescenti e nei giovani adulti, ed una preoccupante diffusione dei disturbi del comportamento alimentare. Parallelamente al modello della magrezza, siamo bombardati dai messaggi della pubblicità che inducono al consumo di prodotti alimentari invoglianti e ipercalorici, il cosiddetto “junk food” o cibo spazzatura (snack dolci e salati, merendine varie, bibite zuccherate, ecc.). Per questo motivo, sovrappeso e obesità non sono solo problemi estetici, ma anche e soprattutto di salute, che influenzano la qualità e le aspettative della vita.

La comunità scientifica è concorde nell’attribuire all’eccesso di peso un ruolo significativo nella patogenesi di numerose malattie metaboliche e degenerative, quali cardiopatie ischemiche, malattie cerebrovascolari, diabete, malattie respiratorie e osteoarticolari, statosi epatica, calcolosi, alcuni tumori. All’obesità si accompagnano spesso disturbi psichiatrici quali ansia e depressione. Oltre a ciò, un eccesso di peso può comportare limitazioni della vitalità, discriminazione sociale, diminuzione della produttività lavorativa o scolastica.

L’approccio di maggior successo alla gestione del peso corporeo è attualmente rappresentato non tanto dal trattamento farmacologico, bensì dall’Intervento Cognitivo Comportamentale, attraverso i gruppi psicoeducativi, che intervengano principalmente sulla modificazione dello stile di vita, e sullo schema di autovalutazione disfunzionale attraverso cui l’individuo attribuisce un’eccessiva importanza al peso, alle forme corporee e al controllo dell’alimentazione.

Occorre dunque, intervenire anche sui fattori cognitivi, emozionali e ambientali attraverso l’apprendimento. Imparando a modificare i comportamenti a rischio è pertanto possibile raggiungere e mantenere il cosiddetto “ peso ragionevole ”. Il programma prevede la multidisciplinarietà, in altre parole la collaborazione di più figure professionali che cercano di affrontare i molteplici aspetti del disturbo dell’alimentazione collaborando e integrandosi fra loro.

Lo scopo principale è aiutare chi segue il programma a gestire il proprio peso corporeo attraverso la modificazione di convinzioni, idee e, soprattutto,comportamenti che, pur essendosi dimostrati inefficaci, se non addirittura dannosi, vengono ugualmente mantenuti perché sono diventatiabitudini o non se ne conoscono alternative ragionevoli.

Per raggiungere questo obiettivo vengono insegnate ai pazienti strategie atte modificare lo stile di vita in modo permanente. Solo in tal modo è infatti possibile mantenere nel tempo un peso più basso, nonostante spesso esistano influenze genetiche (ereditarietà) e fattori ambientali che favoriscono il contrario.

Numerosi sono i luoghi comuni sull’obesità. Il più importante e difficile da sfatare è quello secondo il quale l’eccesso di peso dipende esclusivamente dall’ingordigia e dalla golosità degli individui. In una società come la nostra, che propone in continuazione enormi quantità di cibo, inducendoci a comprarlo attraverso il costante battage pubblicitario, gli individui obesi, vengono successivamente colpevolizzati per il fatto di non essere riusciti a resistere alle tentazioni.

Ossessionati, catturati dal messaggio contraddittorio della pubblicità, che se da un lato ti lusinga sulla bontà di un qualsiasi snack, dall’altro ti propone modelli di bellezza estetica non alla portata di tutti, non c’è da meravigliarsi che l’argomento “cibo” ci faccia tanto impazzire. I nostri occhi, le nostre bocche, le nostre gole appaiono insaziabili e sono indotte a nutrirsi incessantemente.

Ma che cos’è l’obesità? L’obesità è spesso un atto di compensazione. Più grande è lo squilibrio interiore di un individuo, e più grande deve essere l’involucro esterno per riuscire a ristabilire l’equilibrio. La domanda cruciale che la persona obesa deve porsi non è solo “come posso liberarmi del mio peso?”, ma anche “che cosa dentro di me o nella mia vita è troppo piccolo, troppo leggero, troppo insignificante da farmi sentire il bisogno di un involucro tanto imponente, grosso e pesante con cui ristabilire l’equilibrio?”.

Si pensi a tutto il lavoro, allo sforzo, all’energia, che si impiega per mantenere quella struttura corporea e al sentimento di vergogna che ogni volta scatta per produrla, come le scorpacciate segrete ed i furtivi trangugiamenti, ed anche per mantenerla, occultandola sotto abiti enormi, malgrado il fanatismo culturale contro il sovrappeso e la paura di essere derisi ed ignorati. Alla fine il peso del corpo è ben poca cosa rispetto al peso di tutta quella vergogna.

Ad un tale dispendio di energia deve corrispondere la volontà di raggiungere grandi obiettivi. Ma quali? Questa è la principale domanda, altrimenti assalire l’eccesso di peso con diete da fame, o interventi chirurgici, può produrre il rischio che la persona obesa, già di per sé tormentata dai fanatici del corpo magro, e schiacciata dal suo stesso sovrappeso, venga privata del meccanismo di compensazione, a sua volta sostituito con un altro, forse meno adattivo e più distruttivo; o teso a riguadagnare con furia il caro peso perduto, in forme ancora più dilatate, in un continuo effetto a yo-yo.

Numerosi sono i luoghi comuni sull’obesità. Il più importante e difficile da sfatare è quello secondo il quale l’eccesso di peso dipende esclusivamente dall’ingordigia e dalla golosità degli individui. In una società come la nostra, che propone in continuazione enormi quantità di cibo, inducendoci a comprarlo attraverso il costante battage pubblicitario, gli individui obesi, vengono successivamente colpevolizzati per il fatto di non essere riusciti a resistere alle tentazioni. Ossessionati, catturati dal messaggio contraddittorio della pubblicità, che se da un lato ti lusinga sulla bontà di un qualsiasi snack, dall’altro ti propone modelli di bellezza estetica non alla portata di tutti, non c’è da meravigliarsi che l’argomento “cibo” ci faccia tanto impazzire. I nostri occhi, le nostre bocche, le nostre gole appaiono insaziabili e sono indotte a nutrirsi incessantemente. Ma che cos’è l’obesità? L’obesità è spesso un atto di compensazione. Più grande è lo squilibrio interiore di un individuo, e più grande deve essere l’involucro esterno per riuscire a ristabilire l’equilibrio. La domanda cruciale che la persona obesa deve porsi non è solo “come posso liberarmi del mio peso?”, ma anche “che cosa dentro di me o nella mia vita è troppo piccolo, troppo leggero, troppo insignificante da farmi sentire il bisogno di un involucro tanto imponente, grosso e pesante con cui ristabilire l’equilibrio?”. Si pensi a tutto il lavoro, allo sforzo, all’energia, che si impiega per mantenere quella struttura corporea e al sentimento di vergogna che ogni volta scatta per produrla, come le scorpacciate segrete ed i furtivi trangugiamenti, ed anche per mantenerla, occultandola sotto abiti enormi, malgrado il fanatismo culturale contro il sovrappeso e la paura di essere derisi ed ignorati. Alla fine il peso del corpo è ben poca cosa rispetto al peso di tutta quella vergogna. Ad un tale dispendio di energia deve corrispondere la volontà di raggiungere grandi obiettivi. Ma quali? Questa è la principale domanda, altrimenti assalire l’eccesso di peso con diete da fame, o interventi chirurgici, può produrre il rischio che la persona obesa, già di per sé tormentata dai fanatici del corpo magro, e schiacciata dal suo stesso sovrappeso, venga privata del meccanismo di compensazione, a sua volta sostituito con un altro, forse meno adattivo e più distruttivo; o teso a riguadagnare con furia il caro peso perduto, in forme ancora più dilatate, in un continuo effetto a yo-yo.

 

 

RICORDA

 

5 X 1000  PER

 

ASSOCIAZIONE DIABETICI

 

RAVENNATE

 

Codice. Fisc. 92008500396

 

IL TUO 5 X 1000 FA LA DIFFERENZA !!

 

Un aiuto fondamentale per svolgere i vari progetti in aiuto alle persone

con diabete della nostra provincia

Se utilizzi il nostro portale adr onlus, vuol dire accetti l'utilizzo dei cookie da parte della nostra redazione web. INFO

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi