Nuove tecnologie per fronteggiare il diabete tipo 1


Microinfusori
La terapia iniettiva insulinica sottocutanea continuativa tramite micropompa è una proposta terapeutica che sempre più frequentemente è oggi presentata alle persone con diabete di tipo 1. Questo viene proposto in alternativa al classico schema multininiettivo attraverso iniettori a penna per insulina. Il fine della terapia insulinica nel diabete di tipo 1 è quello di sostituire al meglio la funzione beta-cellulare ed il microinfusore è quello che meglio permette di simulare la delicata e complessa funzione pancreatica. Il microinfusore è una micropompa di peso non superiore ai 100 gr, che porta insulina al paziente attraverso un catetere di dimensioni variabili, 100-60 cm, che termina con un ago cannula di teflon inserito nel sottocute generalmente in regione addominale. Recentemente sono arrivati sul mercato microinfusori di dimensioni ridimensionate. Tali device sono definiti pompe cerotto perché ospitate su un cerotto di pochi cm, 3x 4 cm, attraverso il quale la micropompa aderirà alla cute, e sono caratterizzate dalla assoluta mancanza di cateteri. L’intero siste- ma, motore, serbatoio per insulina ed ago sarà ospitato dentro a questo minuscolo device, del peso di soli 25 gr, scomparendo così alla vista e regalando al paziente i vantaggi di tale terapia e l’indipendenza da tubi e/o cateteri. Monitoraggio Continuo della Glicemia Real Time Il monitoraggio continuo della glicemia è oggi possibile attraverso una metodica mini-invasiva, ovvero attraverso la misurazione diretta e continua della concentrazione del glucosio presente nei liquidi interstiziali, più specificatamente nei liquidi che bagnano il tessuto adiposo sottocutaneo. Tale approccio, possibile grazie alla disponibilità di sensori del glucosio a forma di ago, consente il monitoraggio continuo del glucosio partendo dal presupposto che la concentrazione del glucosio nei liquidi interstiziali è sovrapponibile a quello nel sangue. Tali sensori sono in grado di trasmettere a smartphone o altri dispositivi le informazioni raccolte dal sensore minuto per minuto. Il monitoraggio real time offre oggi ai pazienti, informazioni pre- cedentemente non disponibili, infatti, tali device sono in grado di fornire dati immediati sulla velocità e sulla direzione di spostamento della glicemia. Sulla base dell’osservazione dei “trend”, inoltre,
questi sistemi consentono di “predire” il futuro. I device sono, infatti, in grado di allertare il paziente del rischio imminente di
ipoglicemia, rendendo così possibile un atteggiamento pro-attivo del paziente stesso che può, sulla base delle escursioni glicemi- che, immediatamente aggiustare la terapia insulinica, o la dieta.

Sistemi integrati
Oggi sono disponibili device integrati che consentono al paziente di “indossare” un microinfusore convenzionale che è però in grado di svolgere anche le funzioni di terminale o monitor, per il sistema di monitoraggio continuo della glicemia. Il sistema oggi è in grado di combinare, quindi, i vantaggi delle due tecnologie e rappresenta il primo passo verso la realizzazione del pancreas artificiale. Nei sistemi integrati di ultimissima generazione il device è in grado, in caso il monitoraggio riveli la presenza di ipoglicemia, o il rischio di una ipoglicemia imminente, di sospendere automaticamente la infusione di insulina riducendo o azzerando, in alcuni casi, il rischio di ipoglicemia.

Il pancreas artificiale.
Da pochi mesi i device sopra descritti sono stati dotati di una intelligenza che adegua il quantitativo di insulina infuso sulla
base dell’andamento della glicemia in automatico, non solo sospendendo in caso di ipoglicemie, ma anche aumentando la
dose di insulina di fronte a deragliamenti verso l’alto del controllo glicemico. Tale sistema, definito “Pancreas Artificiale Ibrido” è oggi già in uso negli Stati Uniti, mentre in Europa ed in Italia si stima verrà approvato nel corso del 2019. Tante cose quindi in pentola stanno bollendo, tante nuove ipotesi di terapia che promettono migliore salute e migliore qualità della vita per le persone con diabete mellito.

 

 

RICORDA

 

5 X 1000  PER

 

ASSOCIAZIONE DIABETICI

 

RAVENNATE

 

Codice. Fisc. 92008500396

 

IL TUO 5 X 1000 FA LA DIFFERENZA !!

 

Un aiuto fondamentale per svolgere i vari progetti in aiuto alle persone

con diabete della nostra provincia

Se utilizzi il nostro portale adr onlus, vuol dire accetti l'utilizzo dei cookie da parte della nostra redazione web. INFO

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi